La Fortitudo riparte da Ravenna vincendo 73-63

La Fortitudo riparte da Ravenna vincendo 73-63

La Fortitudo, con una confortante e concreta prestazione di squadra, chiude con una vittoria il ciclo di tre trasferte consecutive, trovando nella partita molti protagonisti con note di merito per Michele Ruzzier (ottima regia e perfezione al tiro), Luca Gandini (grande difesa su Smith e due bombe provvidenziali in momenti topici del match) e soprattutto Mitja Nikolic, alla sua ultima presenza in maglia biancoblu, che ad inizio ultimo quarto propizia lo strappo che Ravenna non riuscirà più a recuperare. Fortitudo che riesce ampiamente nel suo piano partita, che prevedeva di tenere i romagnoli sotto gli 80 punti.

In un Pala De Andrè gremito come non mai è parte forte la Effe (4-14) ispirata dalla regia di Ruzzier e dai canestri di Matteo Montano, mentre Knox ingaggia un ruvido duello con Taylor Smith, che con 6 punti consecutivi riporta sotto Ravenna, ma il canestro a fil di sirena di Leo Candi dà comunque il +4 a Bologna (12-16), che sembra un vantaggio esiguo per quello che si è visto ad inizio partita.

Nuovo strappo Fortitudo nel secondo periodo, che sull’asse Ruzzier-Knox costruisce un +9 (15-24) che un inspirato Matteo Tambone ricuce con tre bombe di fila, portando addirittura Ravenna a chiudere in vantaggio all’intervallo (33-31), con la Fortitudo bloccata in attacco nonostante Justin Knox sia già arrivato in doppia cifra (10 punti e 10 rimbalzi).

Ravenna ad inizio terzo quarto tenta a sua volta fuga con Marks (48-42), ma la seconda bomba di Gandini e due liberi di Leo Candi riavvicinano la Effe. Si chiude il terzo periodo con la tripla di Italiano che sancisce la perfetta parità (52-52) che testimonia di un equilibrio che regna da inizio partita tra le due squadre.

Mitja Nikolic si erge a protagonista dell’inizio di ultimo quarto con sette punti consecutivi e la Fortitudo dà uno strappo (53-58), subito seguito da un gioco da tre punti di Candi. Preziosissima la difesa di Gandini su Smith che non trova spazi sotto canestro e una bomba di Ruzzier dà il + 8 (59-67. Un canestro e un libero di Chiumenti riavvicinano Ravenna (62-67) con la Effe che trova ora più difficoltà a trovare punti che potrebbero chiudere il match. E allora ci pensa la difesa che diventa impenetrabile, con Gandini a stoppare Marks e sui liberi di Ruzzier a 20 secondi dalla sirena la partita si chiude con una meritata vittoria, dopo due sconfitte esterne maturate solo nelle battute finali.

FORTITUDO: Gandini 7 (2/2 su tre), Ruzzier 16 (3/3 da due, 2/2 da tre, 3 assist), Montano 14 (3/7 da tre), Knox 10 (5/8 da due, 12 rimbalzi), Candi 8, Mancinelli, Italiano 7, Nikolic 9 (3/5 da due e 1/1 da tre), Raucci 2, Campogrande

RAVENNA: Chiumenti 5, Smith 13, Sabatini 7, Tambone 16, Marks 10, Masciandri 8, Sgorbati 4, Raschi, Crusca

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>