La Fortitudo apre i playoff battendo Agrigento (85-68), una vittoria mai in discussione.

La Fortitudo apre i playoff battendo Agrigento (85-68), una vittoria mai in discussione.

Se gara-1 di una serie playoff è spesso la partita più insidiosa per chi la gioca tra le mura amiche, non si può dire la Fortitudo abbia dovuto sudare più di tanto per portarla a casa. La notizia è che il Poz decide di aprire il playoff senza uno dei suoi stranieri e così Demetri McCamey è l’escluso di questa sera. Per il resto non molto altro da segnalare.

Dopo alcuni minuti in cui gli attacchi prevalgono sulle difese, alla Effe basta stringere un po’ dietro per allungare progressivamente, senza strafare ma cercando le migliori soluzioni offensive, chiudendo il primo quarto avanti 22-16. I siciliani fanno sempre più fatica a trovare la via del canestro – solo 12 punti nella seconda frazione – concedendo facile autostrade al contropiede biancoblu, così il divario di allarga fino a toccare il +19 in chiusura di quarto, grazie anche al dominio a rimbalzo (24-15) e alle sole 4 palle perse a metà gara.

La partita riprende senza molte novità, con il Mancio che fa quello che vuole in penetrazione, imitato da Cinciarini e da un volitivo Pini. La difesa bolognese concede qualcosa di più, ma il vantaggio resta fissato attorno al ventello di differenza (68-49).

Ultimo quarto con la testa già a gara-2, per risparmiare forze visto che si gioca tra sole 48 ore, con qualche distrazione di troppo che fa arrabbiare il Poz, ma la gara è in cassaforte da tempo con Chillo ad assestare gli ultimi colpi ad una Fortitudo Agrigento oggettivamente mai in partita stasera.

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>