Il sogno svanisce all’ultima curva, ma grazie comunque ragazzi. Brescia promossa in A1.

Il sogno svanisce all’ultima curva, ma grazie comunque ragazzi. Brescia promossa in A1.

Dopo aver disputato martedì la sua partita più bella, la Fortitudo incappa in una delle sue serate peggiori, proprio in gara-5 di finale. Subito sotto, martellata dalle bombe di Alibegovic e Hollis e dalle penetrazioni di Moss, riesce a trovare una reazione a cavallo del secondo e terzo quarto, quando risale a -8 con ancora più di quindici minuti da giocare. Ma tre palle perse consecutive (tra le tantissime di questa sera, addirittura 22) tengono in vita Brescia proprio nel momento in cui il riaggancio sembrava possibile. Per almeno tre minuti la Effe non riesce nemmeno a tirare, consegnando sempre il pallone nelle mani avversarie e i bresciani scappano di nuovo, scavando un solco incolmabile di oltre 20 punti.

Brescia conquista quindi la massima serie ed è se vogliamo la conclusione logica di questa finale, dove in gara-5 sono arrivate due squadre che nei playoff non hanno mai perso sul loro campo. Se per i lombardi è un traguardo voluto e cercato fin da inizio stagione, per la Fortitudo si è trattato di un meraviglio sogno a cui è mancata solo l’impresa conclusiva. Un viaggio fantastico che nessuno, a parte il suo allenatore, poteva immaginare in autunno e che ha riportato al Palazzo tutti i fortitudini, con incassi e presenze degne dei tempi d’oro.

Coach Boniciolli in conferenza stampa parla già del futuro, ma ci sarà tempo per capire come intenderà muoversi la società. Adesso è il momento della gioia per aver ritrovato la Effe a lottare per traguardi così importanti e del ringraziamento a tutti i ragazzi e alla loro guida per la stupenda avventura che hanno fatto vivere a coloro che hanno la Effe nel cuore.

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>