FORTITUDO !!! Una vittoria da grande squadra per sbancare Treviso in gara-1 (78-77)

FORTITUDO !!! Una vittoria da grande squadra per sbancare Treviso in gara-1 (78-77)

Si dice che il basket possa essere tradotto in numeri, ma allora come si può spiegare che la Fortitudo riesca a vincere una partita di straordinaria importanza, prendendo 18 rimbalzi in meno e soprattutto subendo 39 tiri liberi (contro 20 a favore)? C’è una sola risposta, viste anche le medie al tiro pressoché identiche: difesa, concentrazione, attenzione alle palle perse (solo 3 contro le 14 trevigiane) e soprattutto capacità di reggere quando la partita, complice anche una scellerata direzione arbitrale, sembrava sfuggire di mano dopo aver condotto anche con margine per i primi 25 minuti. In più aggiungiamo la classe nei momenti decisivi di Alex Legion, del Mancio e di un ritrovato Leo Candi, protagonista di un match impreziosito da due clamorosi pick and roll con Justin Knox sul finale di partita.

Una vittoria da grande squadra, che ribalta subito il fattore campo favorevole ai veneti, in attesa di gara-2 in programma tra sole 48 ore.

Un po’ di cronaca: le difese, come prevedibile, la fanno da padrone nel primo quarto. Si segna poco, in media una volta ogni tre tentativi, con la Fortitudo che inizia cercando sempre Knox vicino a canestro ma perde proprio il suo centro per due falli commessi in pochi minuti. La Effe non sbanda, nonostante Moretti metta la prima tripla del match, con Campogrande sulle orme di Fantinelli togliendo sicurezze alla regia veneta. I biancoblu con pazienza ricuciono un mini-break trevigiano (13-8) con le penetrazioni di Ruzzier e quattro liberi di fila di Leo Candi, che assieme a una difesa che non concede più nulla agli uomini di coach Pillastrini, impedendo loro di correre in contropiede, gli permettono di chiudere la prima frazione avanti (14-15).

Il secondo quarto si apre con la Fortitudo subito in fuga. Italiano, Cinciarini e finalmente Alex Legion regalano il + 7 (14-21), con Treviso che si attacca alla concretezza di Zoltan Pearl (quattro liberi e una tripla) per rimanere a contatto con i bolognesi. Qui inizia uno show personale del Mancio che – dopo uno screzio con Perry – gioca una sua sfida personale con l’americano, saltandolo in penetrazione e colpendo da oltre l’arco, che lo portano in doppia cifra già all’intervallo e spingono la Effe ad un + 8 (29-37) al rientro negli spogliatoi.

Le cifre dopo venti minuti raccontano di una Treviso dominante a rimbalzo (24 a 12), ma sprecona vicino a canestro (solo 4 su 16) e nelle palle perse (11), dati che spiegano il vantaggio bolognese, che avrebbe potuto essere ancora maggiore con più precisione dalla lunetta (7 su 12).

Si sbloccano gli attacchi nel terzo quarto. Perry trova sei punti consecutivi, mentre Legion ribatte con due conclusioni a canestro e un assist per Knox, poi infila anche la tripla del -3 (44-47). Con la bomba di Saccaggi Treviso riagguanta la parità (50-50) e sorpassa con un gioco da tre punti di Davide Moretti (55-52), che due liberi di Candi portano al 55-54 alla sirena, con la Effe che nella terza frazione ha subito ben 26 punti dai trevigiani.

Gli arbitri fischiano come teiere in ebollizione, ma solo da una parte e la Effe si ritrova già in bonus dopo due minuti e mezzo, mentre Perl e Ancellotti danno il +4 ai veneti, costringendo coach Boniciolli a chiamare d’urgenza time-out. Legion da tre e Cinciarini riavvicinano la Effe (64-63), poi la guardia USA con un’altra bomba dall’angolo propizia il sorpasso biancoblu (65-66). Treviso, ovviamente, va continuamente in lunetta, tra le proteste di tutta la panchina bolognese. Il quinto fallo di Ancellotti libera spazi per Justin Knox che ne approfitta per riportare avanti la Effe, ma Moretti viene premiato da tiri liberi tutte le volte che tocca palla. Fuori Ruzzier e Candi per falli, l’ultimo minuto e mezzo viene giocato con Montano play e con Treviso che raggiunge il bonus solo a un minuto dal termine. Sbaglia Perl e Fantinelli manda in lunetta Alex Legion a sei secondi dalla sirena, che non sbaglia i due liberi e porta avanti i suoi (77-78). Matteo Montano difende benissimo su Moretti nell’ultima azione, questa volta gli arbitri non possono fischiare nulla e la Effe porta a casa gara-1, come lo scorso anno in semifinale.

FORTITUDO: Montano, Legion 20 (6/14 da due, 2/4 da tre), Mancinelli 18 (6/9 da due, 2/3 da tre, 6 rimbalzi, 5 assist), Knox 14, Cinciarini 7, Candi 10 (2/4 da due, 6/6 ai liberi, 3 assist), Raucci, Campogrande, Gandini 1, Ruzzier 4, Italiano 4.

TREVISO: Perry 19, Ancellotti 8, Malbasa, Moretti 22 (15/17 ai liberi), Rinaldi, Saccaggi 9, Perl 15, La Torre, Negri, Fantinelli 4

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>