Fortitudo a valanga su Agrigento (73-48) e la serie va sul 2-1

Fortitudo a valanga su Agrigento (73-48) e la serie va sul 2-1

51 punti concessi mercoledì, 48 stasera e i fantasmi del 1° maggio sembrano definitivamente dissolti, dopo gara-3 di oggi che ha visto fin dalle prima battute il dominio assoluto della Fortitudo, con Agrigento che si è sciolta dopo pochi minuti andando a sbattere contro la difesa bolognese che ha lasciato ben poco spazio agli avversari. Resta da giocare gara-4 lunedì prossimo, sempre al PalaDozza e occorre rimanere concentrati per non sprecare il match-point, anche se obiettivamente il divario delle forze in campo è apparso notevole.

E’ un Legion precisissimo in attacco a dar inizio alle danze e sono suoi i primi 7 punti della Effe, mentre Campogrande si prende cura di Evangelisti, di certo l’uomo più continuo per i siciliani nelle prime due partite. Buford sembra anche lui un altro giocatore rispetto a mercoledì sera, anche se dopo cinque minuti si è già caricato di due falli. Alla settima palla persa e sotto di 8 (14-6) coach Ciani chiama time-out perché la partita sembra aver già preso una brutta piega, mentre Boniciolli rivoluziona lo starting-five per mantenere alta l’intensità difensiva. La musica non cambia di molto e sul primo canestro di Cinciarini al PalaDozza si chiude il quarto sul 22-13.

Agrigento riparte da un quintetto tutto italiano, mentre Cinciarini continua a martellare il canestro avversario spingendo i biancoblu a +14 (29-15), quando anche Knox si iscrive tra i protagonisti assoluti della serata e fa saltare in piedi tutto il Palazzo con un imperioso rimbalzo offensivo trasformato in due punti che portano il divario a +16, a cui fanno seguito alcuni minuti di confusione che comunque non pregiudicano il vantaggio bolognese alla sirena del secondo quarto (37-23).

Nel segno di Justin Knox la Fortitudo apre il terzo parziale issandosi a +18 (48-30). Agrigento tira in pratica solo da oltre l’arco oppure cerca giochi in isolamento per un alterno Buford, ma il Ganda mette la sua solita tripla e poi va a rubare un pallone che ispira una bomba di Cinciarini che stampa 23 punti di divario (59-36) alla chiusura del terzo quarto.

Gli ultimi dieci minuti sono un lungo garbage-time, che non cambia l’andamento dell’incontro e si fanno apprezzare soprattutto per una difesa della Effe che non concede nulla nonostante un vantaggio che si dilata fino al 73-48 finale.

FORTITUDO:Italiano 3, Candi 4, Campogrande 4, Montano 2, Costanzelli, Knox 19 (6/11 da due, 1/2 da tre, 7 rimbalzi), Legion 16, Gandini 5, Ruzzier 4, Cinciarini 10, Mancinelli 6

AGRIGENTO: Zugno 5, Ferraro 5, Bucci 2, De Laurentiis 7, Bell-holter 2, Piazza 2, Buford 9, Evangelisti 9, Chiarastella, Cuffaro

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>