Fortitudo a due facce ma batte Jesi 86-75

Fortitudo double face, quella che comunque alla fine porta a casa i due punti contro Jesi, giunta alla sua sesta sconfitta consecutiva. Doppia faccia perché, contrariamente alle altre partite al PalaDozza, non aspetta il terzo quarto per dare il break. Doppia faccia perché, dopo aver raggiunto  15 lunghezze  di vantaggio verso la fine della prima frazione, permette agli ospiti di rientrare in partita, fino ad un -4 nel terzo quarto e ancora ad un -6 nell’ultimo periodo. Per fortuna che prima un chirurgico capitan Carraretto, poi un concreto Italiano hanno saputo rispondere subito, portando a casa un incontro che, per come si era messo, avrebbe potuto riservare qualche brutta sorpresa.

Si comincia a spron battuto, con difesa aggressiva, recuperi, assist, schiacciate e le tre bombe consecutive di Matteo Montano che scavano subito il solco. Il primo quarto si chiude sul 28-13 e la seconda frazione sembra una tranquilla transizione verso un finale di partita scontato. Ma Jesi non affonda, galleggia tra i 9 e gli 11 punti di svantaggio e, nonostante la posizione di classifica non certo rassicurante, si dimostra più tranquilla nel gestire il gioco. Così, riprendono colorito e fiducia anche i fin lì “non pervenuti” Greene e Santiangeli, le due punte offensive dei marchigiani. Coadiuvati da un Gueye che non avrà più la mano torrida di qualche anno fa, ma che Montano non riesce a contenere negli 1-contro-1, Jesi risale inaspettatamente fino a -4 (57-53) a metà del terzo periodo. Si va ad elastico, con la Effe che allunga e l’Aurora che con pazienza ricuce, di nuovo a -5 a metà frazione finale, fino quando una tripla del capitano, uno squizzo dei suoi di Daniel e soprattutto due giochi da 3 punti di Italiano, chiudono definitivamente il sipario di una partita in cui il divario tecnico tra le due squadre è apparso abbastanza evidente.

La Fortitudo sale a 12 punti in classifica (6 vinte e 6 perse), per il momento al 7° posto assieme a Legnano e Ravenna, già battute al PalaDozza. Prossimo turno a Recanati, che è dietro in classifica ma che venerdì a tenuto a lungo in scacco la capolista Brescia. Attenzione…

FORTITUDO: Daniel 12 (10 rimbalzi e 5 assist), Candi 10, Montano 18 (6/9 da tre), Raucci 2, Italiano 13 (7 rimb. e 3 rec.), Quaglia 2, Iannilli 5 (7 rimb.), Sorrentino 6, Carraretto 18 (4/5 da tre), Valenti, Pampani, Campogrande NE. All.: Boniciolli

JESI: Greene 17, Hunter 15, Paci 6, Santiangeli 13, Picarelli, Battisti 2, Janelidze 2, Leggio 3, Gueye 17, Lucarelli NE, Ciampaglia NE. All.: Lasi

CLASSIFICA: Brescia 20, Imola, Treviso, Verona, Mantova e Roseto 16, FORTITUDO, Legnano e Ravenna 12, Trieste, Ferrara e Treviglio 10, Recanati e Chieti 8, Jesi 6, Matera 4.

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>