E DUE !!! La Fortitudo si ripete alla grande a Treviso (73-70) e porta la serie sul 2-0

E DUE !!! La Fortitudo si ripete alla grande a Treviso (73-70) e porta la serie sul 2-0

Se la difesa era stata l’arma vincente di gara-1, all’intensità nella propria metà campo la Fortitudo stasera ha aggiunto una grande prova offensiva, con l’attacco che per almeno trenta minuti ha girato come un orologio svizzero, trovando grandi protagonisti a turno e rivendendo un grande Matteo Montano, capace di prendersi enormi responsabilità nella sua migliore partita della stagione, vista anche l’importanza della posta in palio. Solo nell’ultima frazione Treviso ha trovato la forza di rimettere in discussione il risultato, aggrappandosi ad un inaspettato Tommaso Rinaldi, che ha trascinato i suoi nella rimonta a suon di rimbalzi offensivi e canestri da ogni posizione. Al di là del punteggio stretto con il quale hanno vinto entrambe le gare, i ragazzi di coach Boniciolli hanno fin qui dimostrato sul campo una marcata superiorità, che andrà confermata subito sabato prossimo in gara-3 al PalaDozza, pur sapendo che i trevigiani non verranno di certo a Bologna rassegnati.

La cronaca: grande equilibrio nel primo quarto senza che nessuna delle due squadre riesca a prendere un vantaggio apprezzabile. Si gioca a percentuali elevate al tiro e con la Fortitudo che trova punti un po’ da tutti, da un rinfrancato Matteo Montano, da Daniele Cinciarini e soprattutto da un chirurgico capitan Mancinelli. E’ Treviso a cercare la prima fuga in apertura di seconda frazione (27-22), con coach Boniciolli infuriato per il metro arbitrale – la Effe continua a pagare un tributo pesante in termini di falli fischiati e andrà per la prima volta in lunetta dopo 17 minuti di gioco – che viene sanzionato di un tecnico. E’ comunque una scossa salutare per tutta la squadra: il Mancio continua il suo show personale (all’intervallo già 14 punti a referto, con 3/3 da oltre l’arco), accompagnato da un Alex Legion precisissimo. I biancoblu guadagnano progressivamente terreno, toccano un +7 (30-37) che viene confermato alla sirena del secondo quarto (35-42), nonostante il ricorso da parte dei veneti anche alla difesa a zona, che viene attaccata con calma e sagacia non creando particolari problemi agli uomini di coach Boniciolli. Si va all’intervallo con un vantaggio importante, ma con l’impressione che il divario avrebbe potuto anche essere maggiore senza i troppi rimbalzi offensivi (7) concessi a Treviso quando era evidente la difficoltà dei Pilla’s Boys di trovare la via del canestro.

Con i canestri di Legion e Montano la Fortitudo riparte da un +11 (37-48) che costringe Pillastrini a chiamare subito time-out. Treviso stringe la difesa e recupera qualcosa con due canestri di fila di Perry e stavolta è Boniciolli a richiamare in panchina i suoi per riordinare le idee e trova al rientro in campo il canestro in avvicinamento di Matteo Montano. Il quintetto “basso” tutto italiano, con Knox e Legion a riprendere fiato, trova ossigeno da tutti e la Fortitudo allunga a +12 (46-58), Treviso prova a reagire con Davide Moretti e Rinaldi, ma la tripla frontale di Alex Legion appena rientrato in campo permette ai bolognesi di chiudere il terzo quarto ancora con un vantaggio in doppia cifra (50-61).

Treviso si aggrappa ai rimbalzi offensivi di Tommaso Rinaldi e approfitta di un sanguinoso 1/4 dalla lunetta della Fortitudo per riavvicinarsi pericolosamente (58-64), ma è ancora Matteo Montano a ridare fiato alla Effe con una tripla acrobatica. Perry e Saccaggi replicano anche loro da oltre l’arco ed -3 (64-67) per i veneti. La Effe non segna per tre lunghi minuti. Mancio e Knox sbloccano il tabellone per rispondere ad un’incredibile Rinaldi che prima infila una bomba e poi dalla lunetta porta a -1 (70-71) i suoi. Viene fischiato passi a Legion e Treviso si ritrova con la palla decisiva in mano a 19 secondi dalla sirena. Stavolta è Fantinelli a tentare il tiro vincente, sbagliandolo. Sul fallo sistematico dei veneti, Montano segna il primo libero e viene… beffato dal tabellone che non gli sputa fuori il secondo tentativo. Treviso avrebbe ancora 44 centesimi per tentare la tripla per andare ai supplementari, ma il tiro di Rinaldi va lontanissimo dal canestro e la Fortitudo porta a casa una partita che sembrava in suo totale controllo fino alla fine del terzo quarto e che invece negli ultimi dieci minuti avrebbe potuto sfuggirle di mano.

FORTITUDO: Knox 10, Mancinelli 18 (3/5 da due, 3/3 da tre, 4 assist), Candi, Montano 16 (4/4 da due, 2/4 da tre), Cinciarini 8, Ruzzier 2, Italiano 2, Gandini, Legion 17 (4/5 da due, 2/3 da tre, 3 assist), Campogrande.

TREVISO: Rinaldi 13, Saccaggi 4, Negri 7, Perl 8, Perry 17, La Torre, Fantinelli 4, Ancellotti 5, Moretti 12

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>