“Cincia Show”, Treviso domata (84-74) e traguardo sempre più vicino

“Cincia Show”, Treviso domata (84-74) e traguardo sempre più vicino

Il campionato sarà ancora lungo, ma è difficile non pensare che oggi sia stata messa un’ipoteca pesante sull’esito finale del campionato di A2, visti gli 8 punti di vantaggio sui veneti con anche il doppio confrontro faborevole. Treviso ha avuto poco dal suo un unico attuale americano Burnett, bravo solo nell’azione di contenimento difensiva su Kenny Hasbrouck, limitato a 8 punti realizzati. Per conto si è scatenato il Cincia (24 punti, 6/7 da due e 3/3 da tre), affiancato dalle robuste prove di Guidone Rosselli, Marteen Leunen e Andrea Benevelli.

Prime battute con le difese che prevalgono su attacchi un po’ spuntati. La Effe ribalta l’inizale vantaggio trevigiano con Leunen e Rosselli, per poi sprintare a cavallo tra primo e secondo quarto con la prima striscia a canestro del Cincia (22-14). Quando poi anche Benevelli si aggiunge al coro il vantaggio biancoblu si dilata (38-25), per poi fissarsi sul +11 (42-31) all’intervallo.

Treviso gioca tutte le sue carte nella terza frazione portandosi a – 6 (58-52) con Alviti, Tessitori e Imbrò, approfittando di un momento di rilassamento difensivo bolognese. E’ qui che si apre il “Cincia show”, con penetrazioni e triple che uccidono il tentativo di rimonta veneto, un uragano che riporta il match sotto il controllo degli uomini di coach Martino.

Nell’ultimo quarto la Fortitudo mantiene le mani sul manubrio e si spinge fino al +19 (81-62) e non c’è più partita anche se Treviso non affonda e riesce perlomeno a ridurre il divario alla sirena finale.

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>