La Fortitudo corre verso il derby battendo Chieti (89-78)

La Fortitudo corre verso il derby battendo Chieti (89-78)

A soli tre giorni dal derby dell’Epifania che manca da otto anni e senza Mitja Nikolic, la Fortitudo alla lunga prevale su Chieti, che fino al 30° minuto è stata avversaria degna e per nulla rassegnata alla sconfitta.

Parte bene la Effe: una schiacciata di Knox, tripla di Montano subito replicata da Leo Candi ed è subito +8 (9-1), ma festa dura poco e con un parziale di 5-0 Chieti è subito a ruota (11-9). Boniciolli corre ai ripari chiamando un triplo cambio, ma la manovra biancoblu si incarta troppo spesso contro le difese abruzzesi e fortuna vuole che Chieti sbagli un filotto di tiri piedi per terra, mentre Nazareno Italiano infila due bombe che danno il +10 sulla sirena del primo quarto (21-11).

Candi va in doppia cifra ad inizio seconda frazione con la sua seconda tripla, ma Golden con un gioco da tre punti riavvicina i biancorossi (28-22), che con Davis arrivano anche a -4 (34-30). Golden lucra falli in contropiede e con il bonus esaurito sono liberi in sequenza. Tutto da rifare. Knox segna e subisce fallo, Candi e Ruzzier trovano un paio di corridoi in penetrazione, però Allegretti e Venucci non sbagliano nulla da oltre l’arco e il secondo quarto si chiude con la Fortitudo avanti solo di due lunghezze (45-43). Se l’attacco a sprazzi ha fatto il suo (Knox 16 e Candi 12), in difesa 43 punti subiti – dei quali 32 solo nella seconda frazione – sono davvero troppi, anche se Chieti si è dimostrata squadra viva, che non si è fatta intimorire dall’avvio sparato dei bolognesi.

Italiano infila subito la sua terza bomba, ma Golden è una “tassa” quando cerca e trova i suoi canestri da fuori. Davis serve un assist che Mortellaro non può sprecare, Golden non lo ferma nessuno e incredibilmente Chieti sorpassa (55-58). La Fortitudo in attacco è solo Knox e basta che Raucci si sblocchi con un paniere da tre che si concretizza il contro-sorpasso (63-59). La difesa biancoblu si fa più aggressiva, gli abruzzesi vivono un altro black out offensivo, Candi punisce con un’altra tripla e la Effe ritrova un vantaggio più rassicurante (68-60) alla sirena del terzo periodo.

Quintetto basso per Boniciolli con Ruzzier, Candi e Montano e Matteo ripaga subito con una bomba. Mortellaro diventa l’ancora a cui si aggrappano gli abruzzesi, ma trova pane per i suoi denti contro un Luca Gandini finalmente convinto e determinato. Montano sferra un colpo da K.O. con la sua terza tripla e Candi lo imita a ruota per un +16 (80-64) che è già una sentenza, visto anche il calo fisico evidente dei teatini. Ruzzier smazza assist a profusione e gli ultimi minuti sono solo passerella per Candi e Italiano, mentre dagli spalti partono cori che fanno capire che la testa di tutti alla stracittadina di venerdì sera.

FORTITUDO: Mancinelli 4, Raucci 3, Costanzelli, Knox 23 (10/13 da due e 8 rimbalzi), Candi 25 (5/7 da tre), Ruzzier 6 (7 assist), Montano 13, Campogrande, Gandini 4 (6 rimb.), Italiano 11

CHIETI: Davis 18, Zucca, Clemente, Venucci 10, Mortellaro 17, Golden 24, Allegretti 3, Piazza 2, Sergio 4, Falluca

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>