Agenda del Fortitudino 2016

Agenda del Fortitudino 2016

E’ già disponibile l’Agenda del Fortitudo 2016, un imperdibile almanacco di storia della Fortitudo, dalle origini ai giorni nostri, il racconto in 270 pagine di un’emozione collettiva senza uguali nel mondo della pallacanestro italiana. Una emozione da leggere, da raccontare, da regalare.

Rispetto all’edizione dello scorso anno vi sono alcune importanti novità: in primo luogo l’Agenda è tutta a colori, perchè come sanno i saggi …è meglio un giorno a colori che una vita in bianconero. Poi, assieme alle pagine dedicate alle date storiche della Fortitudo, troverete oltre venti brevi racconti in prima persona, regalataci da personaggi che sono nel cuore di tutti i veri tifosi della Effe Scudata, in un’apposita sezione denominata Un giorno da Fortitudino: si va dalle emozioni legate ad una vittoria tanto attesa, a piccoli ricordi di vita quotidiana, da grandi momenti ad episodi apparentemente minimi, che però danno il segno di cosa significhi aver vestito la maglia biancoblu.

In più, i nostri amici – che ringraziamo per la disponibilità e l’affetto dimostrati – ci hanno fatto omaggio di venti ricette dei loro piatti preferiti, che abbiamo inserito nella sezione Il Fortitudino goloso, perchè la passione per la buona tavola deve sempre accompagnarsi a quella per la nostra squadra del cuore.

Da quest’anno poi l’Agenda verrà dedicata ad un grande personaggio della storia della Fortitudo e per il 2016 abbiamo scelto di rendere il meritato omaggio  al grande Dario Danielli, uno dei nostri primi amici ed un appassionato vicino alla Effe da oltre mezzo secolo, con ruoli diversi ma sempre importanti sia nella Fortitudo Pallacanestro, sia nella casa madre SG Fortitudo.

L’Agenda potete trovarla in Fortitudo, in via San Felice 103 a Bologna, oppure prenotarla scrivendo a info@ilfortitudino.it. Tutto il ricavato netto della sua distribuzione verrà integralmente devoluto – come lo scorso anno – all’Associazione Willy The King Group (WTKG), intitolata al tifoso n° 1 Willy Boselli, che mette in atto da tempo straordinarie iniziative in favore dei soggetti diversamente abili e socialmente svantaggiati.

Intanto, sperando che corriate in tanti ad acquistarla (costa solo 10 euro), per tutti un piccolo assaggio…

Il “Giorno da Fortitudino” di Vincenzino Esposito

Il «derby a colori» del 1995 fu un’emozione straordinaria. Da quando ero arrivato a Bologna non avevo mai vinto un derby e la tensione era altissima, Palazzo strapieno, un muro di folla. Quella partita fu una battaglia snervante, punto a punto. Loro ebbero anche il tiro della vittoria, ma quando Danilovic scaricò a centro area il pallone, io lo recuperai in anticipo e mi involai verso il canestro. Avevamo già vinto e invece di tirare lo gettai verso la curva dove erano assiepati i tifosi virtussini.

In quei momenti uno pensa solo a gioire, ma dopo mi presi un… cazziatone da mio padre che era venuto a vedere la partita ed era seduto proprio sotto di loro: «Ma sei scemo, hai tirato la palla contro di loro? Quelli sono scesi tutti giù, ti volevano ammazzare..». Ma io dovevo scaricare la rabbia di quelle sconfitte, soprattutto il derby di Reatto, che ci fu rubato con destrezza .

 

Esposito fortitudino doc

 

 

Condividi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>